News » MESSAGGIO QUARESIMA
LE OPERE DI MISERICORDIE SPIRITUALI:

“PROFUMO DI CRISTO”

PARROCCHIA SAN GIUSEPPE MOSCATI

QUARESIMA 2016


“Tu invece quando digiuni,

profumati, ungiti la testa, e lavati il volto” (Matteo 6,17)

28 Marzo 2013:

In quel “Giovedì Santo”, Papa Francesco, pochi giorni dopo la sua elezione, fece emergere “il desiderio della gente di essere unta con l’olio profumato” accostando il “profumo del Crisma” al “profumo delle pecore”. Poi, supplicando i ministri di Dio, chiedeva loro: “Siate pastori con l’odore delle pecore e comunicatele il Buon profumo di Cristo”.

Nei nostri ovili, se si avvicina una “madre” alle pecorelle che non sono state generate da lei, non viene riconosciuta e viene allontanata, perché non ha l’odore del gregge. Solo sentendo il profumo materno i piccoli accolgono l’affetto e l’alimento che dà la vita. Senza la mamma morirebbero. Il profumo è il legame primo che stabiliamo con ciò che ci circonda. La natura è legge per l’uomo.

Dio Padre, “Profumo perfetto”, ha donato il suo profumo al “Figlio” nell’unzione dello “Spirito Santo” perché lo trasmetta agli uomini. San Policarpo, arso vivo per la fede, emanò un profumo “simile a una nube d’incenso e a un aroma prezioso”.

Come la primavera a cui ci apprestiamo ci inebria con l’odore della terra bagnata di rugiada e con il profumo dei fiori e delle nuove foglie, così la nostra Quaresima sia avvolta da mille profumi spirituali.

dalla Liturgia di

Consacrazione del Sacro Olio del Crisma del Giovedì Santo:


“O Dio, fonte prima di ogni vita,
Tu in principio facesti spuntare dalla terra alberi fruttiferi

e tra questi l'olivo,

perché dall'olio fluente venisse a noi il dono del Crisma.
Il profeta Davide cantò quest'olio,

che fa splendere di gioia il nostro volto.
Dopo il diluvio, lavacro espiatore dell'iniquità del mondo,

la colomba portò il ramoscello d'olivo

e annunziò che sulla terra era tornata la pace.
Mosè, tuo servo, per la tua volontà purificò con l'acqua

il fratello Aronne e con la santa unzione lo consacrò sacerdote.
Il valore di tutti questi segni si rivelò pienamente in Gesù Cristo.
Su di lui a preferenza di tutti gli altri uomini,

hai effuso l'olio di esultanza profeticamente cantato da Davide”.


O Signore, concedi, ai tuoi figli rinati dall’acqua e dallo Spirito,

di riscoprire in questa Santa Quaresima la propria vocazione battesimale, di figli di Dio “unti di Cristo”.

Le Opere di Misericordia Spirituali:

“Preghiera, Consiglio, Insegnamento, Sopportazione,

Perdono, Ammonimento, Consolazione”,

ci aiutino a diffondere il Buon Profumo di Cristo,

per la crescita spirituale della Chiesa, Tuo popolo.



In questa Quaresima, digiuniamo nel corpo e curiamo la coscienza, come Buoni Samaritani dello Spirito.

Le opere di misericordia “spirituali” sono opere invisibili ma indispensabili in un mondo che ha dimenticato cosa sia il sogno, la fantasia, il sacrificio, la riflessione: medicine dell’Amore per chi ha il cuore anestetizzato e la mente ottenebrata.

L’essenziale è visibile solo a chi si lascia curare dalla essenza invisibile del Mistero di Dio. Inebriati dallo Spirito, contagiati da Esso, per essere missionari del “Buon odore di Cristo” (2 Cor 2,14-16).


Santa Quaresima, vs donS













Scritta da Salvatore De Pascale
News del 07/02/2016
Letta 810 volte
Stai visualizzando: